Slide 1

falcoLa scelta di fare di questo territorio un'oasi è stata molto apprezzata, soprattutto dagli animali ed, in particolare, dagli uccelli. Ne sono state censite 90 diverse specie e quasi metà di esse hanno ormai scelto stabilmente l'Oasi per nidificarvi. Altri si fermano qui durante le migrazioni autunnali e primaverili ed alcuni qui svernano.

Qui sopravvivono indisturbati uccellini che sono quasi completamente scomparsi da altre zone della pianura veneta. Tra essi porciglioni, spezze, pendolini, frosoni, colombacci, gufi, usignoli, codibugnoli, falchi e persino rari esemplari di airone.

Non solo gli uccelli sono tornati ad abitare qui. Persino dei caprioli sono stati, sia pure solo per un periodo, visti aggirarsi tra i prati ed i boschi dell'Oasi.

PESCI-GARANZIA

Qualcuno li definisce così perché la loro presenza è la dimostrazione più sicura che l'ambiente è indenne da ogni forma di inquinamento: sono i marsoni, i tozzi pesci che vivono nelle acque poco profonde, a condizione che queste siano assolutamente pure. Proprio per questo il marsone è stato scelto a simbolo dell'Oasi di Villaverla dove incontrarlo nei piccoli torrentelli è tutt'altro che difficile.

Altre specie lo affiancano nelle acque superficiali dell'Oasi e sono lo scazzone, lo spinarello e la sanguinerola dalle belle striature rosse.